Teatro Manzoni


DAL 11 OTTOBRE 2018 AL 28 OTTOBRE 2018

A TESTA IN GIU’

EMILIO SOLFRIZZI PAOLA MINACCIONI

di Florian Zeller
con Bruno Armando e Viviana Altieri
Regia Gioele Dix – scene Andrea Taddei
costumi Barbara Bessi
luci Carlo Signorini  

 

 


DAL 15 NOVEMBRE 2018 AL 02 DICEMBRE 2018

VINCENT VAN GOGH
L’ODORE ASSORDANTE DEL BIANCO

ALESSANDRO PREZIOSI

di Stefano Massini
con Francesco Biscione
e con Massimo Nicolini, Roberto Manzi, Alessio Genchi, Vincenzo Zampa
scene e costumi Marta Crisolini Malatesta
disegno luci Valerio Tiberi e Andrea Burgaretta
regia Alessandro Maggi


DAL 11 DICEMBRE 2018 AL 01 GENNAIO 2019

TRAPIANTO E RISO

VINCENZO SALEMME

una commedia scritta e diretta da VINCENZO SALEMME


DAL 10 GENNAIO 2019 AL 27 GENNAIO 2019

IL PADRE

ALESSANDRO HABER LUCREZIA LANTE DELLA ROVERE

di Florian Zellere con David Sebasti
Daniela Scarlatti, Ilaria Gianatiempo, Riccardo FlorisRegia Piero Maccarinelli
scene Gianluca Amodio
costumi Alessandro Lai
musiche Antonio Di Pofi
disegno luci Umile Vainieri


DAL 07 FEBBRAIO 2019 AL 24 FEBBRAIO 2019

TEMPI NUOVI

ENNIO FANTASTICHINI IAIA FORTE

scritto e diretto da Cristina Comencini
con Sara Lazzaro e Nicola Rivaioli


scene Paola Comencini
costumi Antonella Berardi


DAL 28 FEBBRAIO 2019 AL 17 MARZO 2019

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE

STEFANO FRESI VIOLANTE PLACIDO PAOLO RUFFINI

di William Shakespeare
Adattamento e regia Massimiliano Bruno


DAL 28 MARZO 2019 AL 14 APRILE 2019

PICCOLI CRIMINI CONIUGALI

MICHELE PLACIDO ANNA BONAIUTO

di Éric-Emmanuel Schmittscene Gianluca Amodio
luci Pasquale Mari
costumi Alessandro Lai 

musiche Di Maggio & Luna

Adattamento e regia Michele Placido 


DAL 09 MAGGIO 2019 AL 26 MAGGIO 2019

IL POMO DELLA DISCORDIA

CARLO BUCCIROSSO

con Maria Nazionale

 

A testa in giù | Emilio Solfrizzi e Paola Minaccioni - Teatro Duse Bologna

Daniel invita a cena, contro il consiglio di sua moglie, Patrick suo migliore amico e la sua nuova partner Emma per la quale ha lasciato la moglie. Emma, giovane e carina provoca una tempesta negli animi dei commensali, scuotendo le loro certezze, risvegliando frustrazione, gelosia e invidia.

L’originalità di A testa in giù sta nel fatto che il pubblico è testimone dei pensieri dei personaggi che parlano in disparte. Grande gioco di attori che svelano con la tecnica del doppio linguaggio una verità comica, crudele e meravigliosamente patetica.