TEATRO SAN BABILA

DUE FIGLIE TRE VALIGIE

di Claude Magnier
regia Marco Vaccari
lcon Marino ZerbinElisabetta CesoneMarco VaccariStefania PepeGianni LamannaGiulia MarchesiLorenzo Alfieri e Sara Caprera
costumi Matteo Tolve
luci Carlo Ottero

produzione Teatro San Babila


Visto da Adelio Rigamonti al Teatro San Babila l’8 novembre 2019

DUE FIGLIE, TRE VALIGIE

UNA COMMEDIA DI MANIERA APRE
IL SAN BABILA 19/20

Due figlie, tre valigie di Claude Magnier, da cui nel 1967 fu tratto un film di Edouard Molinaro con un Louis de Funès al top, è lo spettacolo d’apertura della stagione 19/20 del Teatro San Babila.

Risultati immagini per due figlie tre valigieIl testo dimostra tutti i suoi anni e il suo essere commedia di maniera. Già visto anche l’inizio in cui la compagnia tutta si dispera per il furto subito dell’intera scenografia. Un inizio che tuttavia giustifica l’essenziale e intelligente scenografia minimalista: un baule armadio che troneggia in mezzo al palco e da cui escono i visitatori di Casa Barnier, luogo in cui si svolge tutta la vicenda, una tradizionalissima commedia degli equivoci tanto cara ai commediografi francesi delle passate stagioni. Di maniera anche la regia di Marco Vaccari, che tuttavia si cuce addosso un riuscito Christian Martin, il modesto contabile della ditta di creme e saponi Barnier, in equilibrio tra il freddo calcolatore e l’innamorato un po’ sfigato. Nel cast, formato anche da Elisabetta Cesone, Gianni Lamanna, Sara Caprera, Lorenzo Alfieri, Giulia Marchesi, primeggiano senza dubbio Marino Zerbin (perfetto e trascinante protagonista nel ruolo di Bertrand Barnier) e la sempre efficace e talentuosa Stefania Pepe nel ruolo della domestica.

Sarà proprio Stefania Pepe, assieme a Roberta Petrozzi, a portare in scena al San Babila dal 21 novembre Non sparate sulla mamma, un pregevole testo di Carlo Terron con la regia di Marco Rampoldi. Un testo e uno spettacolo ben più importante di quello attualmente in scena fino all’8 dicembre.

Adelio Rigamonti