TROVATA UNA SEGA

(Visto il 7 novembre 32017 al Teatro della Cooperativa)

Risultati immagini per antonello Taurino

Di e con Antonello Taurino

LE TRE VERE FALSE TESTE DI MODIGLIANI
ESPOSTE AL COOPERATIVA

La storia della burla del ritrovamento a Livorno, nel 1984, delle false teste attribuite a Modigliani, diventa, grazie alla bravura di Antonello Taurino, un esilarante spettacolo teatrale, con risvolti dimenticati o inediti, in un intreccio che acquista notevole brio man mano che l’attore e autore (già noto per l’ottimo spettacolo sul mondo della scuola riproposto anche quest’anno “La scuola non serve a nulla”) conduce la narrazione. 
Le parole vengono supportate da Taurino con documenti e filmati dell’epoca, l’attore riempie il palco con la sua fisicità ricreando situazioni, personaggi e dialoghi della gigantesca burla, opera di tre studenti ventenni e di uno scultore/portuale dalla breve intensa vita, che  misero alla berlina il mondo della critica d’arte dell’epoca concorde nell’attribuzione al grande artista livornese delle tre teste. 
Ricavate in realtà da pezzi di marciapiede e buttate nel canale proprio davanti alla ruspa che dragava per verificare la leggenda che lì le avesse buttate Modigliani, vennero riconosciute come opere d’arte inequivocabilmente attribuibili all’artista e ribattezzate Modì 1, Modì 2 e Modì 3. 
Modì 2, in particolare, venne esaltata come capolavoro, mentre in realtà era stata realizzata dai tre ragazzi con un trapano Black&Decker, casa produttrice che ne approfittò, dopo che gli arcani erano stati svelati, per una campagna pubblicitaria.
Gli occhi del mondo con tutti i principali canali televisivi, vennero puntati all’epoca su Livorno, che avrebbe voluto realizzare una mostra che potesse competere con le capitali mondiali in occasione del centenario della nascita di Modigliani, creando una ghiotta occasione di goliardata, in quella terra di libero pensiero e di sagace, dissacrante ironia.
Taurino rivela retroscena poco conosciuti, entusiasma con la sua verve e tiene alta l’attenzione fino all’inaspettato finale.
A impreziosire lo spettacolo, che rimarrà in scena fino al 19 novembre al Teatro della Cooperativa,  l’esposizione, nel foyer del teatro, delle false teste attribuite a Modigliani.

Claudia Pinelli

ARCHIVIO DI NOVEMBRE