MTM - TEATRO LITTA

LA PIANISTA PERFETTA

Fino al 2 febbraio

Spettacolo-concerto dal vivo su Clara Wieck Schumann
di Giuseppe Manfridi
regia Maurizio Scaparro
con Guenda Goria e Lorenzo Manfridi
regista assistente Felice Panico
foto di scena Elio Carchidi
Premio Franco Cuomo insignito al Senato della Repubblica italiana come miglior interpretazione femminile
produzione Todi Festival
Compagnia Mauri Sturno


Visto da Roberta Pasetti al Teatro Litta il 30 gennaio 2020

LA PIANISTA PERFETTA

UN CONCERTO NATO MALE

Risultati immagini per la pianista perfetta teatro litta

Lo spettacolo La pianista perfetta ha in vero poco di perfetto e si appoggia a un testo che risulta melenso nell’ostinata presentazione di una Carla Schumann sempre più una sorta di Cenerentola. Viene evocata, infatti, la vicenda della moglie del grande compositore, rimasta sola a causa della reclusione in manicomio di lui e che si trova a dover tirare avanti con sette figli a carico e le spese incombenti. La situazione presentata è la preparazione a un suo concerto ma, manco a dirlo, capita di tutto e nulla sembra pronto per la serata. Così, alla fine, più che una donna forte e intraprendente, viene portata in scena una schizzata megalomane in disgrazia e non si capisce se il problema stia nell’esecuzione attoriale (una Guenda Goria modesta) o nel testo (più probabilmente in entrambi). Insomma, continue sfuriate isteriche contro tutto e tutti, momenti di confessione e dialogo con lo spirito del marito assente, interrotte da brevi intermezzi musicali: esasperazione e scimmiottamento totali della vicenda di una donna certamente non banale.

Per quanto riguarda le musiche dal vivo, suonate dalla stessa Guenda Goria, non essendo in grado di giudicare, mea culpa, a priori, le darò per buone.

Tornando al lato più teatrale,Lorenzo Manfridi, il garzone, sembra possedere talento.

Roberta Pasetti

[/su_note]