TEATRO ELFO PUCCINI - SALA FASSBINDER

Risultati immagini per TEATRO ELFO LOGO

I FIGLI DELLA FRETTOLOSA

Fino al 27 ottobre 2019

testo e regia Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari
luci Matteo Crespi
con Gianfranco Berardi, Gabriella Casolari, Ludovico d’Agostino
e per le repliche milanesi Giusy Canalella, Angela Casaro, Alessio Gigante, Alessandra Martinelli, Flavia Neri, Gianmarco Panza, Silvia Zaru
assistente alla regia Matteo Ghidella
produzione Teatro dell’Elfo, Fondazione Luzzati – Teatro della Tosse e Sardegna Teatro in collaborazione con Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti di Milano e di Cagliari
prima nazionale
Le repliche sono audiodescritte per persone con disabilità della vista. Le cuffie vanno prenotate in biglietteria. Posti limitati.

Visto da Claudia Pinelli al Teatro Elfo Puccini – Sala Fassbinder il 21 ottobre 2019

I FIGLI DELLA FRETTOLOSA

IO NON SONO UN POVERINO!

I figli della frettolosa in scena nella sala Fassbinder del Teatro Elfo Puccini fino al 3 novembre, porta sul palco attori non vedenti a interpretare se stessi con la valida guida di attori collaudati quali Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari e l’aiuto di allievi attori.

La relazione di reciprocità, di fiducia, di riappropriazione degli spazi fisici nella mancanza dell’aiuto visivo, porta a riprendere possesso delle specificità e peculiarità di ognuno di loro, nella rivendicazione di una non commiserazione (“io non sono poverina, io non sono poverino”). I bastoni bianchi, gli occhiali scuri a omogeneizzare e rivendicare, il muoversi sorreggendosi, ascoltando, il camminare seguendo un percorso, il sapersi prendere in giro, mai scherno, ma ironia, quasi la loro condizione fosse metafora di una condizione più generale che investe tutta l’umanità.

immagine schedaGianfranco Berardi è sempre bravo, anche se qui sceglie sì il ruolo da protagonista ma lasciando spazio e voce, in modo che ognuno abbia un momento in cui raccontarsi e mostrare quelle piccole importantissime conquiste che siano seguire un percorso tracciato per terra parlando di sè stessi piuttosto  che allargarsi nello spazio del palco. Un laboratorio di vita che porta a mettersi in gioco, che fa superare gli ostacoli, che fa sì che il buio faccia un po’ meno paura. A tutti.

Testo e regia de “I figli della frettolosa” sono di Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari (aiuto regia Matteo Ghidella) in scena insieme a Ludovico D’Agostino e, per le repliche milanesi con Giusy Canalella, Angela Casaro, Alessio Gigante, Alessandra Martinelli, Flavia Neri, Gianmarco Panza, Silvia Zaru in un progetto in collaborazione con l’ Unione Italiana dei ciechi e degli ipovedenti di Milano e di Cagliari. Le repliche milanesi sono audiodescritte per persone con disabilità della vista.

Claudia Pinelli