DELITTO/CASTIGO

Da Dostoevskij – Adattamento di Sergio Rubini e Carla Cavalluzzi – Regia di Sergio Rubini

(Visto in Sala Grande del Teatro Franco Parenti il 19 febbraio 2019) 

DOSTOEVSKIJ SECONDO RUBINI

Nella Sala Grande il Teatro Franco Parenti sino al 24 febbraio propone lo spettacolo Delitto/Castigo, adattamento teatrale della più nota opera di Dostoevskij a cura di Sergio Rubini  e Carla Cavalluzzi per la regia dello stesso Sergio Rubini in collaborazione con Gisella Gobbi.

Risultati immagini per delitto/castigo Teatro ParentiUn intenso Luigi Lo Cascio interpreta il giovane e squattrinato studente Rodiòn. Chino sul pavimento scrive la teoria sugli uomini ordinari e straordinari e la penna rumorosamente scorre sul foglio  appoggiato a terra mentre lui ne enuncia i principi a voce alta. Le luci soffuse lasciano intravedere sullo sfondo l’immagine di un’icona russa che spicca sulla parete in fondo con il suo caratteristico colore dorato. Dal soffitto pendono e fluttuano, appesi a fili quasi invisibili, cappotti che rappresentano personaggi o pensieri durante tutta la pièce. Sempre dal soffitto pende anche un ingombrante tavolo che precipita fragorosamente nella seconda parte al momento dell’interrogatorio. Sul palco vi sono, a destra, un letto, scarno elemento della squallida stanza presa in affitto da Rodiòn e, a sinistra (sempre per chi guarda) un piccolo tavolo che evoca l’ambiente di una bettola di San Pietroburgo. 

Questa la scenografia ideata da Gregorio Botta che efficacemente crea  la giusta atmosfera per il compiersi del dramma psicologico, tema centrale del capolavoro di Dostoevskji, che a distanza di più di un secolo mantiene intatte le sue finalità di riflessione sull’esistenza e fragilità umana e sulla capacità di metabolizzare i nostri sbagli. Un invito a misurarsi con i propri errori e le proprie paure anche in relazione alla società in cui viviamo.

La trama è nota: Rodiòn ex studente in difficoltà economiche arriva a maturare l’idea di compiere un delitto nei confronti della vecchia usuraia Alena Ivànovna che gli affitta la stanza. Un imprevisto lo costringe a uccidere anche la sorella Lizaveta Ivànovna, testimone involontaria del suo folle gesto. Da qui inizia l’ossessione di Rodiòn e la sua sofferenza, diviso tra il desiderio di affermare la necessità e l’utilità sociale del suo gesto da “uomo straordinario” nei confronti della malvagia vecchia e la necessità di espiare la propria colpa attraverso un castigo esemplare. Fino alla confessione finale che lo libererà dal suo tormento.

Rubini, nella non facile impresa di portare in scena quest’opera, cerca di sintetizzare la complessità del testo attraverso una scelta drammaturgica che lo porta a essere narratore e interprete di diversi ruoli (la madre, il consigliere, la vecchia ecc.) con maestria e registri vocali differenti.

Menzione particolare merita il progetto sonoro del G.U.P. ALCARO che dall’alto della sua consolle anima e sottolinea i passaggi cruciali della rappresentazione in particolare quando il delitto si compie: lo spettatore ascolterà e immaginerà ogni cosa senza in realtà vederla.

Completano il cast altri due bravi attori Roberto Salemi e Francesca Pasquini cui è affidata la rappresentazione degli altri protagonisti dell’opera (Sofja, Dunja, Luzin).

Copiosi e meritati applausi accolgono gli attori al termine dello spettacolo. Prova magistrale dunque e esperimento riuscito perfettamente per Sergio che partendo da un suo antico amore ha saputo offrire al pubblico un cammeo di letteratura classica per un pubblico moderno.

Marina Salonia       

 

VETRINA

LA PROGRAMMAZIONE NEI TEATRI MILANESI SEGUITI DA SONDA.LIFE

 Cerca lo spettacolo che fa per te tra quelli proposti da i teatri abitualmente seguiti da Teatro a Milano/Sonda.Life

CERCA


Archivio Settembre, Ottobre, Novembre, Dicembre, Gennaio


LEGGI

“Bisogna essere capaci di sognare” Nelson Mandela


SOSTIENI SONDA.LIFE E IL SUPPLEMENTO DI RECENSIONI TEATRALI

Per la sostenibilità di Sonda.Life e del supplemento “Il Teatro a Milano”  e per consentirci di continuare nel nostro lavoro di ricerca e informazione sul tessuto sociale di Milano, potete aiutarci con il vostro contributo:

IBAN IT73B0501801600000012207163Associazione culturale Sonda.Life
c/o Banca Popolare Etica
filiale di Milano via Melzo
Ogni contributo è prezioso e ci permette di continuare a sviluppare ulteriormente molteplici progetti a livello sociale e culturale

Grazie in anticipo e continuate a seguirci!

Associazione culturale Sonda.Life
sede legale via Nullo 19, 20129 Milano


Risultati immagini per maschere pompei

Adelio Rigamonti

   

[/su_column]

VETRINA

LA PROGRAMMAZIONE NEI TEATRI MILANESI SEGUITI DA SONDA.LIFE

 Cerca lo spettacolo che fa per te tra quelli proposti da i teatri abitualmente seguiti da Teatro a Milano/Sonda.Life

CERCA


Archivio Settembre, Ottobre, Novembre, Dicembre, Gennaio


LEGGI

“Bisogna essere capaci di sognare” Nelson Mandela


SOSTIENI SONDA.LIFE E IL SUPPLEMENTO DI RECENSIONI TEATRALI

Per la sostenibilità di Sonda.Life e del supplemento “Il Teatro a Milano”  e per consentirci di continuare nel nostro lavoro di ricerca e informazione sul tessuto sociale di Milano, potete aiutarci con il vostro contributo:

IBAN IT73B0501801600000012207163Associazione culturale Sonda.Life
c/o Banca Popolare Etica
filiale di Milano via Melzo
Ogni contributo è prezioso e ci permette di continuare a sviluppare ulteriormente molteplici progetti a livello sociale e culturale

Grazie in anticipo e continuate a seguirci!

Associazione culturale Sonda.Life
sede legale via Nullo 19, 20129 Milano


Risultati immagini per maschere pompei

[/su_row]