UOMINI E NO

Dal romanzo di Elio Vittorini – Di Michele Santeramo – Regia di Carmelo Rifici

(Visto al Teatro Studio Melato il 13 novembre 2018)

PER RINVIGORIRE L’ESERCIZIO DELLA MEMORIA

Questo è l’inverno più mite che abbiamo avuto da un quarto secolo“: in quello stesso inverno, quello del 1944, la storia italiana, in particolare quella di Milano, si imbatte in uno dei periodi più tetri e arroventati della Resistenza. Elio Vittorini ha ben fissato nelle pagine del suo Uomini e no quelle giornate terribili con sensibilità del poeta. Portare in scena il testo di Vittorini, uno scrittore purtroppo poco frequentato, è decisamente una sfida ardua, ma il drammaturgo Michele Santeramo e il regista Carmelo Rifici, con lo straordinario aiuto dello scenografo Paolo Di Benedetto, l’hanno chiaramente vinta.
Risultati immagini per uomini e no teatro recensioneLa riduzione teatrale di Michele Santeramo è fedelissima al testo e, come è dato spesso a vedere, la parte narrativa e descrittiva è drammaturgicamente suddivisa tra i vari attori. La recitazione voluta dalla regia di Carmelo Rifici non è naturalistica perché i giovani attori del cast, seppure scelti coetanei dei protagonisti del romanzo, hanno storie e culture radicalmente diverse dai personaggi interpretati. Un’impostazione naturalistica e la conseguente trattazione di tragici e drammatici avvenimenti accaduti oltre settant’anni fa avrebbe potuto rischiare anche la caricatura. Ciò non avviene assolutamente nel ben confezionato lavoro di Carmelo Rifici.
Assai azzeccata la scelta registica di far “girare” il tutto attorno a un emblematico tram che ben colloca senza dubbi la storia a Milano. Tale scelta registica è stata ottimamente supportata dallo scenografo Paolo Di Benedetto che ha ideato uno scheletro di tram, diviso, spaccato in due, che si muove per tutta la lunghezza dell’ampio spazio del Teatro Studio Melato. Un tram, scheletrico e spezzato, che è elemento drammaturgicamente indispensabile per rappresentare una Milano distrutta dai bombardamenti e divisa tra insorti e carnefici nazi-fascisti.
Con quel tram in scena, da cui scendono e salgono uomini, donne, carnefici nazisti, fascisti quasi fantocci e giovanissimi partigiani (coi loro dubbi, con la loro disperata volontà di combattere, con i loro umani e difficili amori) è quasi facile vedere i cumuli di macerie di cui era disseminata la Milano di allora, è quasi facile intendere l’odore del sangue e del cibo consumato dai carnefici tra i mucchi di cadaveri, tra i quali giocano ferocissimi cani.
Convince e merita applausi la recitazione di tutti i giovani attori (Giuseppe Aceto, Alfonso De Vreese, Salvo Drago, Caterina Filograno, Ugo Fiore, Yasmin Karam, Leda Kreider, Maria Laura Palmeri, Benedetto Patruno, Matteo Principi, Marco Risiglione, Elena Rivoltini, Livia Rossi, Martina Sammarco, Francesco Santagada, Sacha Trapletti, Annapaola Trevenzuoli).
L’operazione di portare in scena Uomini e no  ha meritato grande successo di pubblico e, soprattutto, ha avuto il pregio indiscutibile di far conoscere ai più giovani un testo quasi dimenticato soprattutto per rinvigorire la memoria e il suo esercizio che si stanno diluendo, sciogliendo in questo periodo in cui spesso la verità è turbata da imbrogli e inganni e da un continuo parlare alla pancia.

Adelio Rigamonti

 

 

VETRINA

LA PROGRAMMAZIONE NEI TEATRI MILANESI SEGUITI DA SONDA.LIFE

 Cerca lo spettacolo che fa per te tra quelli proposti da i teatri abitualmente seguiti da Teatro a Milano/Sonda.Life

CERCA


Archivio Settembre, Ottobre, Novembre


LEGGI

“Bisogna essere capaci di sognare” Nelson Mandela


SOSTIENI SONDA.LIFE E IL SUPPLEMENTO DI RECENSIONI TEATRALI

Per la sostenibilità di Sonda.Life e del supplemento “Il Teatro a Milano”  e per consentirci di continuare nel nostro lavoro di ricerca e informazione sul tessuto sociale di Milano, potete aiutarci con il vostro contributo:

IBAN IT73B0501801600000012207163Associazione culturale Sonda.Life
c/o Banca Popolare Etica
filiale di Milano via Melzo
Ogni contributo è prezioso e ci permette di continuare a sviluppare ulteriormente molteplici progetti a livello sociale e culturale

Grazie in anticipo e continuate a seguirci!

Associazione culturale Sonda.Life
sede legale via Nullo 19, 20129 Milano


Risultati immagini per maschere pompei