SI NOTA ALL’IMBRUNIRE

Scritto e diretto da Lucia Calamaro

(Visto al Piccolo Teatro Grassi il 12 marzo 2019)

IN UNA SOCIETÀ PIÙ SOCIAL CHE SOCIALE 

Il tema della solitudine è assai attuale in questa società in cui trionfa il social a discapito del sociale. Una solitudine sociale, che sta diventando quasi epidemica e che colpisce non solo gli anziani, va sempre più radicandosi anche nel nostro Paese. Di questo tratta Si nota all’imbrunire, raffinato testo scritto e diretto da Lucia Calamaro e in scena, fino al 31 marzo, al Piccolo Teatro Grassi.

Il testo raffinato ed elegante, come i precedenti lavori firmati dalla Calamaro, sembra tuttavia meno ficcante di altri suoi testi e in alcuni momenti viene meno quell’attenzione letteraria al testo, una delle caratteristiche fondamentali dell’autrice/regista. Concetti e spunti, oltre che attuali in toto condivisi, sono annacquati, se non affogati, in una eccessiva verbosità, insomma in un mare di parole che rischia di confondere tutto in chiacchiere alterando i ritmi drammaturgici. Lo spettacolo sembra aver bisogno di qualche sforbiciata e di rivedere la funzionalità dei monologhetti/a parte che a volte rendono eccessivamente statica l’azione drammaturgica.

In un ambiente scenografico, disegnato da Roberto Crea, asettico e che per nulla rimanda ad atmosfere di campagna di un paese che, come ricorda il sottotitolo, è spopolato, il protagonista vive la propria ricercata e sedentaria solitudine.  In occasione del proprio compleanno e del quasi coincidente anniversario della morte della moglie, questa solitudine viene infranta dall’arrivo dei figli e del fratello, tutti interessati più agli effetti che alle cause di questa disperante solitudine sociale.

Risultati immagini per si nota all'imbrunireLo spettacolo è sicuramente da vedere soprattutto per l’alto livello di recitazione espresso da tutti gli attori. Riccardo Goretti è ben calato nel ruolo del figlio un po’ svagato e un po’ votato al fancazzismo per voglia e contingenza sociale e a volte divertente contestatore. Maria Luisa Rondanini e Alice Redini costruiscono bene i ruoli delle due figlie diverse tra loro ma entrambe testimoni di angosce e fallimenti; la prima che teme di non essere accettata dal proprio nucleo famigliare,  la seconda con velleità di far poesia rubacchiando versi a poeti famosi. Roberto Nobile, nel ruolo del fratello, è attore di gran mestiere e oltre a essere abile e ironica spalla al protagonista è divertentissimo nel monologhetto  sull’inesistenza della vita.

Infine Silvio Orlando che fornisce una magistrale prova d’attore. Sempre intenso, ma con misura, aiutato da una mimica efficace, indaga le numerose sfaccettature del suo complesso personaggio tra lo svagato, un po’ fuori di testa, e il burbero malinconico.  Con grande padronanza replica con professionale signorilità allo sgradevole e maleducato squillo d’un cellulare quasi alle prime battute dello spettacolo.

Decisamente da applausi il gran cammeo finale, forse il momento letterariamente più alto dell’intero testo, quando, lasciato da figli e fratelli, davanti alla tomba della moglie, ricostruisce il proprio innamoramento per lei raccontando la storia dei suoi piedi. Magistrale.

Un finale magistrale d’attore che tuttavia ha la pecca di apparire come confezionato proprio per offrire, da parte dell’autrice/regista, ulteriore ribalta alla bravura di Silvio Orlando, poiché Si nota all’imbrunire ha la sua chiusa naturale nel momento dell’allontanamento dei parenti invasori.

Da vedere e un Silvio Orlando super da applaudire.

Adelio Rigamonti

 

                                                             

VETRINA

LA PROGRAMMAZIONE NEI TEATRI MILANESI SEGUITI DA SONDA.LIFE

 Cerca lo spettacolo che fa per te tra quelli proposti da i teatri abitualmente seguiti da Teatro a Milano/Sonda.Life

CERCA


Archivio Settembre, Ottobre, Novembre, Dicembre , Gennaio


SOSTIENICI 

Per la sostenibilità di Teatro a Milano/Sonda.Life e per consentirci di continuare nel nostro lavoro di promozione del teatro milanese ti chiediamo di sostenerci con una erogazione liberale

IBAN IT73B0501801600000012207163 Associazione culturale Sonda.Life
presso Banca Popolare Etica, filiale di Milano via Melzo

Indica come causale “IO SOSTENGO TEATRO A MILANO/SONDA.LIFE”
Grazie in anticipo e continuate a seguirci!

TEATRO A MILANO supplemento culturale di Sonda.Life
Associazione culturale Sonda.Life
sede legale via nullo 19, 20129 Milano

LEGGI

“Bisogna essere capaci di sognare” Nelson Mandela


Risultati immagini per maschere pompei