GEROLAMO FALSO TESTAMENTARIO
Di Carlo II Colla
DANZE DI CARATTERE (estratto da EXCELSIOR)
Gran Ballo Storico di Luigi Manzotti – Musica di Romualdo Marenco – Adattamento Carlo II Colla

Dal 2 al 7 0tt0bre


Compagnia CollaGEROLAMO FALSO TESTAMENTARIO

Che c’entrano le marionette dei Colla con la celebre riforma del teatro di Carlo Goldoni?
C’entrano. Anzi, di più: la raccontano e la vivono sulla propria pelle- o meglio, sui propri fili. E ce lo raccontano proprio con questa commedia.
‘Gerolamo falso testamentario’ è lo spettacolo che testimonia del passaggio settecentesco dal teatro dei tipi della Commedia dell’Arte al teatro di carattere, sulla scia della rivoluzione goldoniana.
Dal 23 marzo 1835 -data della sua prima rappresentazione pubblica-, il canovaccio ha subito infinite trasformazioni, assorbendo i nuovi gusti del pubblico e aderendo alle rinnovate esigenze dell’ambiente teatrale milanese. Da maschere rigide e stereotipate i personaggi si sono fatti complessi e sfaccettati, ricchi di colori e di sfumature: l’avaro Geronte, gli amorosi Ottavio e Isabella, la madre nobile Madama Eugenia, i medici, i servi, i notai si sono lasciati alle spalle i loro volti fissi per divenire più veri, più credibili, più umani. Nell’antico mondo dorato dei canovacci per marionette si
insinua il raggiro, la sofferenza, la desolazione: i personaggi di legno scendono sulla terra, si adirano e piangono e ingannano esattamente come gli uomini in carne e ossa.
E nel raccontare le proprie peripezie, in bilico tra burla e tragedia, raccontano insieme, con leggerezza e allegria, anche la storia della più grande riforma di tutta la storia del teatro.

a seguire
DANZE DI CARATTERE (estratto da EXCELSIOR)

Messo in scena per la prima volta a Milano la sera dell’11 gennaio 1881, nella cornice del Teatro alla Scala, ‘Excelsior’ occupa un posto d’eccezione nella storia del ballo milanese: sull’onda di un successo di pubblico fuori dall’ordinario, se ne contano 103 repliche solo nel primo anno di rappresentazioni. Soggetto a continue modifiche e rifacimenti, la sua ultima replica scaligera risale al 1916; poi, con il mutare del gusto, il genere del “grande ballo” narrativo e simbolico all’italiana decade.
Ma non per il teatro di marionette: la versione “in miniatura” del grande ballo debutta sul piccolo palco del Teatro Gerolamo nel 1884, e raggiunge un clamore altrettanto straordinario che il suo corrispettivo in scala originale. Stessi costumi, stesse scenografie, stessa grazia e stessa accuratezza: soltanto in una riduzione “mignon”. Da allora l’Excelsior fa parte fissa del repertorio della Compagnia Colla, che ripropone i suoi quadri colorati e affascinanti ad abbagliante chiusura dei propri spettacoli.