Immagine correlata


TEATRO AL CASTELLO

DISEQUILIBRI CIRCENSI

Nella magnifica cornice del Cortile delle Armi del castello Sforzesco, nell’ambito dell’Estate Sforzesca, promossa dal Comune di Milano, è andato in scena, in anteprima nazionale, Disequilibri circensi, testo originale della Compagnia Opera Liquida  con testi degli attori reclusi nella Casa di Reclusione di Opera.

In scena con  Maria Chiara Signorini e Giulia Marchesi gli attori reclusi ed ex reclusi di Opera con la regia di Ivana Trettel, che ha curato anche il montaggio drammaturgico.

Lo spettacolo vincitore del Premio Enea Ellero per il Teatro Sociale 2018 è assolutamente di grande impatto visivo per la gestualità corale degli attori in cui, sebbene al debutto, si mostra un grande lavoro, non solo registico, finalizzato a ottenere una sincronia perfetta, risultato quasi già pienamente raggiunto soprattutto nelle riuscite coreografie su musiche appropriate e accattivanti.

Nello spettacolo, gradevole nel suo insieme anche per tempi scenici ben coordinati, l’insieme dei testi, intensi e drammatici, manca di continuità drammaturgica e spesso dà l’impressione di essere poco chiaro nel suo svolgersi  e piuttosto ripetitivo. Tuttavia la sistemazione dell’apparato drammaturgico non sembra così lontano de raggiungere in occasione del debutto ufficiale nel corso della Settima Edizione del Festival Prova a sollevarti dal suolo, in programmazione a settembre all’Idroscalo e all’interno della Casa di Reclusione di Opera.

Come è noto Opera Liquida è una Compagnia teatrale, un’associazione che, grazie al teatro, favorisce l’inclusione sociale, promuove la legalità e previene i comportamenti a rischio nei giovani. Utilizza il palcoscenico come luogo per riflettere e interrogarsi, dentro e fuori il carcere, su temi sociali di attualità portando in scena opere originali che nascono dai testi degli attori detenuti. L’esperienza del teatro unisce reclusi e società in uno spazio di incontro e riflessione che può favorire il cambiamento, il superamento di pregiudizi e luoghi comuni. Opera Liquida lavora con i detenuti di media sicurezza presso la Casa di Reclusione Milano Opera.

Adelio Rigamonti


NOTE DI REGIA – Disequilibri circensi è ambientato in un circo, grande metafora del nostro essere in scena, rinchiusi o no. Il circo, gli equilibri, le distanze. Quanto misurano le distanze tra un essere umano e il resto del mondo? Tra me e te? Riconoscerci come acrobati della vita, come animali più o meno addomesticati, come clown in grado di ridere delle proprie miserie. Il circo è per sua natura antico e atemporale. La pista è il cerchio dove tutto accade. E’ ciò che di magnifico e magnificente esiste sotto i riflettori, che se guardato alla luce del giorno appare anche fatiscente, con quello strato di polvere di vita che ne appanna la brillantezza, che ne mette in evidenza lo squallore. Di chi vorrebbe ma non può, di lustrini mal cuciti o invecchiati con il tempo. Questo ci affascina del circo. La sua componente animale. Un atleta è anche un animale, un essere umano lo è, la metamorfosi afferma il suo essere selvatico e addomesticato insieme. Disequilibri circensi racconta di migrazioni fisiche, emotive, trasformative e vitali. Continui spostamenti, raccontati dal nostro gruppo multietnico. Opera Liquida va al circo, è un circo, misura il circo. (Dal comunicato stampa) 

IL CARTELLONE
LA PROGRAMMAZIONE NEI TEATRI MILANESI SEGUITI DA SONDA.LIFE

Cerca lo spettacolo che fa per te tra i molti proposti da Teatro a Milano/Sonda.Life

CERCA

ARCHIVIO RECENSIONI

Risultati immagini per maschere teatro greco

ARCHIVIO PERSONALE

In queste pagine potrete trovare tutte le recensioni pubblicate da Sonda.Life nel supplemento di Teatro a Milano che curo con la collaborazione di Claudia Pinelli e Marina Salonia. Le recensioni sono suddivise per le stagioni teatrali in cui sono state rappresentate e per i  teatri che hanno ospitato gli spettacoli recensiti.

ARCHIVIO STAGIONI PRECEDENTI

 

RECENSITI DI FRESCO

CON L’ICONA  LA REDAZIONE TEATRALE DI SONDA LIFE SEGNALA GLI SPETTACOLI “DA VEDERE”

Immagine correlata


TEATRO SOTTO L'OMBRELLONE

INVITO AI LETTORI

Se hai occasione di assistere a spettacoli, festival durante le tue vacanze inviaci un tuo breve commento, lo pubbliceheremo volentieri.

Invia a redazione@sonda.life

ANTICIPAZIONI DI STAGIONE

A fine primavera cominciano a succedersi le presentazioni dei programmi delle stagioni teatrali 2017/18, sulle pagine de Il Teatro a Milano sarà dato ampio spazio a tutti i cartelloni, limitatamente agli spettacoli di prosa,  che arriveranno in redazione. Ringraziamo per la collaborazione le direzioni dei teatri, che abitualmente seguinamo, sperando di fornire un ulteriore servizio ai nostri lettori, il cui rilevante numero ha superato ogni più rosa aspettativa.

Immagine correlata 

 

APPUNTAMENTI

CORNACCHIONE E L’OLIVETTI AL COOPERATIVA

Risultati immagini per antonio cornacchioneIl 21 giugno il Teatro della Cooperativa ospita DEO ex macchina cioè la vera storia delle divisione elettronica Olivetti che negli anni 60 ha prodotto il Primo Computer da tavolo (PC) al mondo. Raccontata da uno che non c’era… ma che poi è diventato un dipendete di Ivrea. E poi è diventato… Antonio Cornacchione…

Una lettura sulla storia della Divisione Elettronica Olivetti: dai primi anni entusiasmanti di Barbaricina, alla vendita della Divisione elettronica agli americani (con il colpevole disinteresse dei governanti di allora), al disastro attuale con la vendita di quel che resta della Olivetti a una serie infinita di società.
Antonio Cornacchione ci farà conoscere ricercatori eroici che portarono l’elettronica italiana a competere nel mondo – Adriano Olivetti, Mariano Rumor e altri protagonisti dell’epoca – e ci racconterà le sue esperienze alla Olivetti.

La serata si concluderà con un brindisi per salutare la stagione 2017/18!

PREMIO HYSTRIO 2018

I vincitori  del Premio Hystrio 2018, giunto alla sua ventottesima edizione e organizzato dall’omonima rivista di teatro, sono:

Premio Hystrio alla regia a Massimiliano Civica

Premio Hystrio all’interpretazione a Massimiliano Speziani

Premio Hystrio alla drammaturgia a Davide Carnevali

Premio Hystrio-Altre Muse a Zona K/Milano

Premio Hystrio-Iceberg a Compagnia Òyes

Premio Hystrio-Corpo a Corpo a Fattoria Vittadini 

I vincitori del Premio Hystrio alla Vocazione per attori under 30 saranno comunicati

nel corso della serata finale

Lunedì 11 giugno ore 20,45 – Teatro Elfo Puccini

(Dal comunicato stampa)

NOTIZIE/GRAN FESTA A NIGUARDA
9 – 10 giugno 2018

Epopea dell’irrealtà di Niguarda

Spettacolo teatral-musicale inserito nella Grande Festa di Quartiere con la partecipazione di associazioni, commercianti, cittadini

PRIMA NAZIONALE
progetto e regia Marta Maria Marangoni – musiche originali Fabio Wolf
drammaturgia Francesca Sangalli
BIGLIETTO UNICO € 10 

Perché se tutto comincia sempre con un circo, non può che finire tra le stelle.

Ispirati dal genio multiforme del grande autore di teatro e cinema Alejandro Jodorowsky, un gruppo di cittadini-attori, guidato da Marta Maria Marangoni, mette in scena una irreale ma personalissima storia del quartiere Niguarda e dei suoi abitanti dal IV secolo ad oggi. Il racconto è accompagnato dalle musiche del maestro Wolf, costruite dagli spunti di vita e di periferia dei cittadini-attori. Libertà e gioia sono la chiave di questo lavoro, basato sul gioco che si riesce a fare di sé, dei propri limiti e delle proprie peculiarità. Attraverso una riscrittura collettiva, adattata alla scena dalla penna di Francesca Sangalli, è nato un testo originale frutto di improvvisazioni caleidoscopiche e pindariche capriole in cui mettere alla prova le proprie storie personali. Un’epopea work in progress giunta, dopo due anni di ricerca, alla sua versione definitiva: la Grande Festa di Quartiere, coordinata da Minima Theatralia, con la partecipazione di gruppi e associazioni del territorio che propongono attività, intrattenimenti, installazioni, banchetti, buffet, nella splendida cornice delle corti ottocentesche niguardesi, come evento speciale nella stagione 2017/2018 del Teatro della Cooperativa.

sabato 9 giugno > 20.30 – domenica 10 giugno > 17

ANTIGONE ON THE ROAD 17|18

al Teatro Elfo Puccini  dal 12 al 29 giugno 2018

“La scorsa primavera il Comune di Milano ci comunica che il Teatro Ringhiera deve chiudere ad ottobre 2017 per lavori di manutenzione straordinaria: noi, che lo abitiamo da dieci anni, che ne abbiamo fatto la nostra casa organizzativa e artistica, siamo – com’è logico – turbati.
Risultati immagini per SERENA SINIGAGLIAIn quegli stessi giorni, per puro caso, sto rileggendo Antigone. Non lo leggo dai tempi del liceo. Rivelazione. La grandezza umana di Creonte, il buon senso di Ismene, il qualunquismo della guardia, il coraggio di Emone…Gli interrogativi che muovono Antigone sono gli stessi che mi agitano in quei giorni, mi tormento sul mio futuro e su quello di Atir.
Insomma – penso – Antigone è il testo che potrà illuminarci lungo la strada nuova che ci troviamo a percorrere. Saremo “on the road” ma non saremo soli. Le parole di Sofocle accompagneranno il viaggio.
Intanto telefono ai colleghi degli altri teatri milanesi, chiedendo aiuto e ospitalità.
La risposta è sorprendente, scopro un’attenzione, una cura, un interesse, insomma una solidarietà vera che ci commuove e ci procura un gran sollievo.
In particolare Elio, Ferdinando, Gianmaria, l’Elfo tutto, non solo ci accolgono all’interno della loro stagione ma ci offrono la programmazione del mese di giugno ’18 nelle sale dell’Elfo Puccini: per un mese l’Elfo sarà l’ATIR Teatro Ringhiera. Programmate come se questa fosse la vostra casa.
Non possiamo non ringraziare pubblicamente e a pieni polmoni il Teatro Elfo Puccini per la generosità e l’attenzione. Grazie, grazie, grazie!
Portare lo spirito di un teatro in un altro teatro è un’operazione di contaminazione entusiasmante e arricchente. Portare lo spirito del Ringhiera all’Elfo significa raccontare l’anima artistica e l’anima sociale, così avvinte da essere un’unica forza. Significa portare il segno trasversale e comunitario che ci contraddistingue. Una poetica e una politica culturale.” Serena Sinigaglia

Nella foto Serena Sinigaglia

SCOPRI TUTTO IL PROGRAMMA


Immagine correlata


VISTO E PIACIUTO

A fine stagione (o quasi) la redazione Teatro a Milano/Sonda.life segnala, mese per mese, gli spettacoli più graditi.

SETTEMBRE
TEATRO PARENTI/MEMORIE DI ADRIANA per la straordinaria interpretazione di Adriana Asti
RECENSIONE

OTTOBRE
TEATRO FILODRAMMATICI/OMBRE FOLLI per l’efficace testo di Franco Scaldati e la grande interpretazione di Enzo Vetrano e Stefano Randisi
RECENSIONE

TEATRO ELFO-PUCCINI/ATTI OSCENI uno spettacolo da non perdere
RECENSIONE

NOVEMBRE
CASA DI RECLUSIONE DI OPERA/L’ULTIMA CENA – 3 CHEFS TRIO COMEDY CLOWN – Una clownwerie affascinante
RECENSIONE

TEATRO MENOTTI/PLAY STRINDBERG per il testo e per la realizzazione, da non perdere!
RECENSIONE

TEATRO GEROLAMO/ARIANNA SCOMMEGNA RECITA TESTORI – Testi e interprete eccellenti
RECENSIONE

 

DA NON PERDERE

DA NON PERDERE

LE MARIONETTE DEI COLLA AL PICCOLO

Dopo La tempesta tradotta ed interpretata da Eduardo De Filippo e Macbeth realizzato con il Chicago Shakespeare Theater, entrambi in scena anche al Piccolo Teatro, Eugenio Monti Colla torna a Shakespeare e sceglie Sogno di una notte di mezza estate per la nuova produzione della Compagnia Marionettistica Carlo Colla & Figli che debutta al Piccolo Teatro nell’estate 2018. Un percorso drammaturgico che, per Eugenio Monti Colla, suggerisce «un visivo impalpabile e denso di suggestioni, sospeso fra cielo e terra».
«È forse l’opera di Shakespeare più densa di fascino e di mistero – prosegue il regista, autore anche dell’adattamento per marionette –. Fascino di amori che mutano e si intrecciano in una foresta che è reale quanto sognata, abitata da creature fantastiche interpreti ed artefici, a loro volta, del gioco amoroso che colpisce esseri umani e creature incantate. Mistero di una realtà mutevole: sembrare, essere, dormire, sognare, risvegliarsi, tutto scaturisce da magico incantamento per illudere ed ingannare. A questo vorticoso gioco si aggiunge la recita degli artieri: teatro nel teatro, suoni sgangherati accanto a silenzi profondi, poesia e non poesia nel raffinato gioco del fare spettacolo»

(Dal comunicato stampa)

[/su_box]
TEATRO A MILANO MANDA A DIRE

Per inserzioni pubblicitarie e/o articoli promozionali redazionali telefonare al

339 716 3993

Aiutateci a migliorare i nostri servizi per i teatri e, soprattutto, per il pubblico


Immagine correlata